Collaborazione Cagliari Calcio e GEK Lab: breve storia di un successo

In un momento sportivamente molto critico, con la squadra in piena zona retrocessione e in evidente crisi di risultati, che non rispecchiavano certo il valore della rosa, il Presidente del Cagliari Calcio, Tommaso Giulini, ha definito una nuova strategia e ha fortemente voluto GEK Lab come Official Health Partner per dare alla squadra, nell’ultima parte della stagione, una svolta atletica che potesse affiancare e sostenere quella tecnica legata al cambio di allenatore.  

Il 10 marzo 2021 Cagliari Calcio e GEK Lab hanno così ufficializzato un accordo di partnership, che proseguirà anche nella stagione 2021-2022. 

Qui il link del comunicato ufficiale della Società calcistica (https://www.cagliaricalcio.com/news/ultimissime/20505/il-cagliari-e-gek-lab-assieme-siglato-un-accordo-di-partnership). 

GEK Lab si occupa da sempre di infiammazione, immunologia e alimentazione per personalizzare la nutrizione in tutti gli ambiti clinici, e in riferimento al mondo dello sport per ottimizzare il rendimento atletico e migliorare le performance individuali.

Il team scientifico di GEK Lab, diretto dal Dottor Attilio Speciani, in accordo con il team medico della squadra e in stretta collaborazione con lo staff di mister Semplici, e soprattutto col preparatore atletico Yuri Fabbrizzi, ha applicato agli atleti i risultati del test PerMè, definendo un piano alimentare personalizzato per ogni calciatore e modificando le impostazioni alimentari dell’intera squadra in relazione ai risultati complessivi.

Avere identificato attraverso il test PerMè quali fossero i possibili errori che provocavano alcune “derive alimentari” all’intera squadra, ha anche consentito, oltre che di personalizzare le indicazioni per ogni giocatore, di elaborare con il team medico del club calcistico una proposta alimentare che riguardasse anche tutti i pasti comuni e i momenti di pre e post gara.

L’obiettivo attuale e futuro di questa collaborazione è rendere disponibili all’allenatore e al preparatore, atleti che possano esprimere il massimo della loro performance e migliorare la prestazione atletica, attraverso un piano nutrizionale innovativo in grado di abbassare i livelli di infiammazione da zuccheri e alimenti, facilitare il recupero muscolare, incrementare la resistenza allo sforzo e diminuire il rischio di infortuni non traumatici.

L’adesione della squadra all’approccio GEK Lab ha permesso di ottenere risultati evidenti e il Cagliari, partendo da una situazione di classifica molto complicata, si è salvato con 2 giornate di anticipo.

  • 15 punti in 23 partite pre collaborazione GEK Lab
  • 20 punti in 13 partite post collaborazione GEK Lab

Il risultato ottenuto dalla squadra non nasce ovviamente solo dalle modifiche nutrizionali, perché esprime le nuove scelte tattiche, la ritrovata unità e una rinnovata motivazione attivata dalla nuova gestione complessiva.

Sono però ben definibili dal punto di vista della valutazione dell’efficienza e della resistenza allo sforzo prolungato alcuni dati prettamente fisici, che poco riguardano strategia e impostazione di gioco, pur essendo di fondamentale supporto a queste. Qui di seguito alcuni parametri legati alla resistenza allo sforzo prolungato evidenziati dopo l’inizio della collaborazione con GEK Lab:

  • reti segnate tra il 60° e il 75° minuto raddoppiate 
  • reti segnate dopo il 75° minuto triplicate 
  • reti subite dal 60° minuto alla fine della partita dimezzate

Si tratta di aspetti di efficienza fisica e di incrementato rendimento che hanno contribuito, insieme al fondamentale apporto tecnico dell’allenatore e della società al raggiungimento degli obiettivi ricercati. 

La collaborazione tra Cagliari Calcio e GEK Lab si è rivelata un successo con un lieto fine che getta le basi di una futura proficua continuità.

Il motto su cui abbiamo scherzato nelle ultime giornate di campionato è “verso il 90° minuto ed oltre…” e i fatti ci hanno dato ragione.

A questo proposito ci piace riportare l’affermazione di uno dei calciatori più rappresentativi della squadra, che per primo ha iniziato a seguire il nuovo piano personalizzato: “Nella mia carriera ho dovuto affrontare un certo numero di infortuni e non sono più giovane. Ma da quando seguo l’approccio nutrizionale di GEK Lab PerMè, sono fisicamente più in forma, resistente e forte di quando ero più giovane e senza una storia di infortuni alle spalle”.